Categorie
Blog

Caro papà, senza se e senza ma

Un bambino dell’ODI Turro “scrive” al proprio papà

Ciao a tutti, questo è il campo di calcio dei bambini dell’ODI TURRO. Noi qui ci divertiamo, impariamo a rispettare le regole, i compagni ed il mister.
Non giochiamo mai “contro”, ma “con” i bambini delle altre squadre.
Non rovinateci il piacere di calciare un pallone. Evitate i commenti e gli atteggiamenti esagerati. Non è colpa nostra se qualche genitore è dispiaciuto per non essere diventato calciatore. Urlare non serve a nulla. Lasciateci invece sognare: divertirci è un nostro diritto. Sostenerci è sempre un vostro dovere, ed una gioia per noi.
Grazie a tutti.

I bambini dell’ODI TURRO calcio

Caro papà, questo è il nostro motto, ed è per questo che mi sento fortunato. Perché tu non sei come tanti altri papà. Quando mi riaccompagni a casa dopo la partita, noi due insieme, non mi fai la solita predica su quello che dovevo fare o su quello che ho sbagliato, ma sottolinei solo quello che sono riuscito a fare bene.

E’ bello che mi accompagni all’allenamento e ti soffermi a parlare con gli altri genitori senza prendere posto a bordo campo solo per incitarmi ad essere il migliore.
Quando andiamo alla partita e tu mi dai consigli su come giocare bene non mi sento sotto pressione. So che stai a guardarmi senza giudicare e che, al di là del risultato, so che mi vorrai sempre bene.

Alla fine, non mi chiedi come è andata la partita, ma se sono contento; ti interessi a me e fai di tutto perché possa continuare a divertirmi con il calcio. Il giorno che l’allenatore non mi ha schierato tra i titolari e io ci sono rimasto male, mi hai aiutato a capire che devo mettercelo tutta, che devo fare il tifo per i miei compagni in campo, che devo imparare a sacrificarmi e che devo saper accettare la panchina così come l’hanno accettata anche i grandi giocatori.

Sono contento che non parli mai male dell’allenatore: è lui che condivide con noi le fatiche dell’allenamento e sicuramente sa cosa è bene per la squadra e non soltanto per il proprio figlio. Quando finisce una partita, c’è sempre abbondanza di commenti… a me però interessa sapere che il tuo amore per me non è condizionato dal risultato e che continuerò ad essere il tuo campione senza “se” e senza “ma”.

Grazie papà.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.